logo

Un progetto che promuove la corretta alimentazione

Cucinando s'impara promuove un semplice ma fondamentale concetto che ognuno di noi, sin dalla giovane età, dovrebbe mettere in pratica. Cucinare gustosi piatti rispettando i canoni di una sana alimentazione è semplice e possibile, basta cuocere gli alimenti senza utilizzare grassi o limitandone la quantità: cucinare con pentole antiaderenti di buona qualità è fondamentale per raggiungere questo obiettivo.

L'ANDID è l'associazione di riferimento dei dietisti italiani: li rappresenta, promuove iniziative formative e controlla che gli operatori mantengano alto il livello di professionalità.

Fondata nel 1985, L'ANDID è attualmente l'unica associazione italiana titolata a rappresentare la categoria dei dietisti e conta oggi circa un migliaio di iscritti.

L'ANDID è censita dal CNEL (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro) e rappresenta i dietisti italiani presso l'EFAD (Federazione Europea delle Associazioni di Dietisti).

L'associazione collabora con varie società scientifiche che operano nell'ambitodella nutrizione, a livello nazionale e internazionale.

ANDID (Associazione Nazionale Dietisti)

La missione primaria di ogni Operatore Sanitario è la tutela della salute della popolazione sana e malata.

I Dietisti, per specifica formazione e competenza, si occupano dell’alimentazione e della nutrizione dei singoli e di gruppi di popolazione in tutte le fasce di età e in tutte le fasi della vita.

L’impegno e l’esperienza professionali li pongono tutti i giorni a contatto non solo con i bisogni di salute, ma anche con il bisogno di informazione e di conoscenza sui temi dell’alimentazione, della dieta, del peso... e sulle difficoltà e le problematiche vissute dalle persone nell’applicazione pratica delle raccomandazioni nutrizionali per una sana alimentazione o per un’adeguata alimentazione in particolari situazioni patologiche.

L’aumento allarmante nei paesi Occidentali di patologie ad andamento cronico, quali obesità, diabete e cardiopatie ed in particolare l’obesità, rappresentano una delle sfide più importanti di sanità pubblica per il ventunesimo secolo.

È altresì noto che gli interventi preventivi sono tanto più efficaci, quanto più precocemente sono attuati. È pertanto fondamentale fornire messaggi corretti e orientare i comportamenti alimentari verso i principi di una sana alimentazione, fin dai primi anni di vita.

L’orientamento condiviso dalla UE ed espresso dal gruppo di lavoro Europeo nella Piattaforma su “dieta, attività fisica e salute” (EU platform on diet, physical activity and Health) 2008, sostenuto dalle esperienze finora attuate in diversi Paesi Europei, è quello di enfatizzare l’efficacia degli interventi educativi destinati prioritariamente alla popolazione scolastica.

È infatti cosa nota che le esperienze e le conoscenze acquisite nei primi anni di vita, influenzano grandemente i comportamenti assunti nel corso della vita.

È infatti cosa nota che le esperienze e le conoscenze acquisite nei primi anni di vita, influenzano grandemente i comportamenti assunti nel corso della vita.

È importante da questo punto di vista saper utilizzare strumenti e strategie adeguate, per riuscire a stimolare l’interesse e lasciare un’impronta indelebile nel patrimonio di conoscenze dei bambini e dei ragazzi.

L’esperienza pratica attuata attraverso il gioco e la sperimentazione, sostenuti da un linguaggio e da immagini che incontrano la fantasia e la sensibilità dei giovani, ha una comprovata valenza formativa e didattica.

Tuttavia i Professionisti che si occupano di prevenzione ed educazione alla salute sanno che la reale incisività degli interventi educativi è spesso minata dall’influenza che media, pubblicità e gli stessi ritmi di vita, esercitano sui comportamenti e sulle scelte alimentari delle famiglie e dei ragazzi.

La consapevolezza della complessità dei fattori influenzanti lo stile di vita delle persone, ha rafforzato sempre più l’esigenza di un coinvolgimento di tutti gli attori che a vario titolo interagiscono in questo campo, allo scopo di collaborare al raggiungimento di obiettivi comuni.

L’orientamento è quello di rafforzare la partnership tra Amministrazioni pubbliche e sanitarie, la società civile, le Associazioni dei Consumatori e Settore industriale verso azioni comuni finalizzate a favorire scelte consapevoli e corrette a tutela della salute.

In questo senso il progetto “Cucinando s’impara” rappresenta un esempio di collaborazione tra mondo produttivo e Professionisti della nutrizione, volto a potenziare l’intervento professionale di Operatori quali i Dietisti, quotidianamente impegnati a fianco dei Cittadini/Utenti nella difficile impresa di favorire e sostenere comportamenti “virtuosi”, pur nel rispetto e nella valorizzazione delle tradizioni alimentari italiane e nel mantenimento di un sereno e piacevole rapporto con il cibo.